Boom del Bike Sharing in Cina grazie alla tecnologia

William Vidoni

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

La Cina che in origine era soprannominata “il Regno della bicicletta”, negli ultimi decenni aveva ceduto il passo ai mezzi a 4 ruote. Ma negli ultimi anni grazie al Bike Sharing e soprattutto dopo il COVID-19 sta riscoprendo un nuovo boom.

In Cina la bici è di nuovo in pieno boom, la popolazione è ancora spaventata dal rischio di contaminazione da COVID-19 e evita il più possibile l’utilizzo dei mezzi pubblici.

Le aziende di bike-sharing stanno utilizzando le nuove tecnologie per offrire un servizio più personalizzato. Le biciclette elettriche e gli scooter sono molto richiesti per i viaggi più lunghi.

Se queste dinamiche dovessero durare oltre la pandemia del coronavirus, potrebbero trasformare le città cinesi, riducendo l’inquinamento, migliorare la salute di milioni di persone e offrire un modello per le aree urbane più congestionate di tutto il mondo.

Foto di: Ewan Yap

Tre anni fa, il settore del bike-sharing in Cina era in pieno boom, e le start-up riempivano le strade delle città con i loro mezzi a due ruote colorate. La bolla è scoppiata nel 2019, provocando un’ondata di fallimenti e di enormi cimiteri di biciclette. Ora la pandemia COVID-19 sta scatenando una nuova passione per la bicicletta in Cina, poiché la gente evita autobus e metropolitane per paura di essere contagiata. Le società di sharing hanno imparato dai loro errori del passato e stanno fornendo servizi più efficienti.

Se sostenuto a lungo termine, il bike sharing potrebbe trasformare le città cinesi. Riducendo l’inquinamento, migliorando la salute di milioni di persone e fornendo un modello per i pendolari e le aziende di sharing in tutto il mondo. Ecco le quattro principali tendenze del bike-sharing in Cina che potrebbero sopravvivere alla pandemia e dare forma a un nuovo modo di viaggiare per gli anni a venire:

Un servizio migliore grazie all’intelligenza artificiale e ai big data

Anziché riempire semplicemente le città di milioni di biciclette, le piattaforme di condivisione cinesi utilizzano sempre più spesso l‘intelligenza artificiale (AI) e le tecnologie dei big data per identificare i quartieri più frequentati. Fornire le biciclette solo dove sono necessarie riduce il loro numero complessivo, così da avere marciapiedi sgombri da quelle inutilizzate . L’approccio su misura rende anche più facile per le persone trovare le biciclette disponibili durante le ore di punta.

Foto di: Ray Rui

Quando una serie di aziende cinesi di bike sharing è fallita nel 2019, alcuni esperti sostennero che la domanda aveva semplicemente raggiunto il picco massimo. Tuttavia, l’attuale aumento del bike-sharing suggerisce che il problema risiede nei modelli di business più che nella domanda dei consumatori. Man mano che le imprese sono cresciute, hanno adottato tecnologie più avanzate. Offrendo un servizio migliore, portando i clienti a utilizzare il bike-sharing nel lungo periodo.

Le biciclette elettriche sono in pieno boom

Dall’inizio della pandemia di coronavirus, i pendolari cinesi hanno utilizzato sempre più spesso le biciclette condivise per i viaggi più lunghi. A febbraio e marzo, il numero di viaggi più lunghi di 3 chilometri è stato il doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, come dimostrano i dati delle aziende di bike sharing.

Si è trattato di un cambiamento rispetto all’uso convenzionale, che di solito vedeva le persone salire sulle biciclette condivise per brevi distanze. Chiamato anche “primo miglio“, quello fatto dalla porta di casa alla fermata più vicina della metropolitana o del treno. Le persone preferiscono sempre più viaggiare in spazi aperti ed evitare il rischio di contaminazione, sono andate oltre quel primo miglio e hanno percorso l’intero tragitto in bicicletta.

POTREBBEBE INTERESSARTI ANCHE: Mobike parla italiano e cambia nome

Di conseguenza è aumento l’uso di biciclette elettriche e scooter, che rendono comodi anche i viaggi più lunghi. Siccome sono più costose delle biciclette convenzionali, le biciclette elettriche e gli scooter elettrici sono più facilmente condivisibili. Soprattutto dai giovani e dalle persone che rimangono in una determinata città solo per un anno o poco più, prima di trovare opportunità di studio o di lavoro in un’altra città. Le piattaforme di condivisione offrono alle persone un accesso illimitato ad esse per soli 200 yuan (meno di 30 dollari) al mese. Al contrario, un nuovo e-scooter costerebbe diverse migliaia di yuan.

In precedenza, le biciclette elettriche e gli scooter erano una tendenza un po’ trascurata in Cina, in parte perché sono partiti da città di livello inferiore con meno trasporti pubblici. In quelle città, tuttavia, il loro utilizzo superava di gran lunga quello delle biciclette convenzionali anche prima del COVID-19.

Foto di: Zhang Kaiv

Secondo i dati raccolti da Hellobike, un’azienda di bike sharing, nel 2019 in Cina sono stati completati quasi 300 milioni di viaggi al giorno con biciclette convenzionali. Più del doppio dei viaggi sono stati effettuati su biciclette elettriche e scooter elettrici che, 700 milioni di corse al giorno. A Nanning, una città di secondo livello nella provincia di Guangxi, i viaggi con veicoli elettrici hanno superato il 34% di tutti i trasporti di quell’anno, superando il trasporto pubblico e le auto private.

I cambiamenti dello stile di vita legati alla pandemia hanno portato questa tendenza nelle principali città, e le piattaforme di condivisione ne hanno preso atto. Meituan, un conglomerato cinese che possiede la società di bike sharing Mobike, ha annunciato nel maggio 2020 di aver messo in circolazione diverse centinaia di migliaia di biciclette elettriche nel secondo trimestre. Anche Didi’ Qingju Bicycle ha fatto dell’espansione dell’attività di e-bike sharing una priorità per il 2020.

Le città si stanno trasformando per favorire i veicoli elettrici

I veicoli elettrici, comprese le biciclette e gli scooter, comportano più sfide tecnologiche rispetto alle biciclette tradizionali. Per le città, questo significa costruire punti di ricarica sicuri e comodi. La responsabilità passa ai politici, a elaborare normative adeguate. La Cina ha pubblicato nel 2019 gli standard nazionali per i veicoli elettrici, che includono i requisiti per la ricarica e la sostituzione centralizzata.

Le aziende di bike sharing si sono unite ai produttori di batterie per affrontare queste sfide tecnologiche. Hellobike, ad esempio, ha unito le forze con il produttore cinese di batterie CATL per distribuire più di 1 milione di scooter elettrici in tutta la Cina. Nei suoi punti vendita, gli utenti di e-bike sostituiscono le batterie scariche o difettose con batterie nuove senza doverle collegare e aspettare.

Foto di: John Cameron

A causa della pandemia, i veicoli condivisi stanno diventando sempre più diffusi, superando lentamente il trasporto pubblico e le auto private come mezzo di trasporto preferito. Questo potrebbe cambiare la percezione che la gente ha dei trasporti a lungo termine e renderli più aperti a nuove idee e abitudini di pendolarismo.

I pendolari che hanno provato l’uso della bicicletta come mezzo alternativo potrebbero trovare questo servizio più piacevole e conveniente di quanto pensassero. Le aziende di condivisione offrono anche una varietà più ampia di opzioni rispetto al passato.

Oltre alle biciclette convenzionali si aggiungono, le e-bike, gli scooter elettrici e il car pooling. Offrendo alle persone ulteriori incentivi ad attenersi al nuovo modo di fare pendolarismo. Gradualmente, stanno arrivando a vedere il trasporto come un servizio. Non dovendo più comprare auto, scooter e biciclette, ma pagare qualcun altro per fornirli e occuparsene, e usarli secondo le necessità. Questo concetto, noto anche come MaaS (“Mobility-as-a-Service“), sta lentamente guadagnando terreno in Cina.

POTREBBEBE INTERESSARTI ANCHE: Didi conducted its first automated driving test

La tecnologia è la chiave del successo del MaaS. I servizi di condivisione più pratici e convenienti sono alimentati da IoT (internet delle cose), big data e sistemi intelligenti in grado di far funzionare i veicoli per una programmazione ottimale. Le persone continueranno a condividere solo se sarà facile e compatibile con i loro impegni e vantaggioso dal punto di vista economico.

In bicicletta verso il futuro

La crisi del coronavirus ha rimodellato industrie, modelli di business e vite personali in tutto il mondo. A lungo termine, alcune delle nostre scelte e delle nostre abitudini potrebbero tornare a essere quelle di prima di COVID-19. Tuttavia, la situazione attuale è anche un’occasione per valutare i nostri precedenti stili di vita.

Mentre rispondiamo alla pandemia, e prendiamo misure individuali per rimanere in salute, molti di noi stanno provando modi di fare esercizio fisico e di viaggiare che potrebbero essere utili per tutta la vita. Idealmente, abbineremo il meglio delle nostre nuove esperienze con le conoscenze acquisite dalle pratiche passate, e useremo il risultato per prendere decisioni costruttive e sostenibili a lungo termine. 

Il rilancio dell’economia del bike sharing in Cina è un ottimo esempio di questa tendenza. Molte persone hanno dato la possibilità di pedalare su lunghe distanze per la prima volta quest’anno, come reazione immediata per proteggersi dal coronavirus. La sfida è quella di offrire loro un servizio accessibile, conveniente e affidabile, supportato da tecnologie all’avanguardia, e aiutarli a mantenere la loro abitudine di andare in bicicletta per un futuro più pulito e più salutare.

Fonte: World Economic Forum

Value China, società esperta nello sviluppo di Mini Program, è l’unico partner riconosciuto da Tencent in Italia.

Contattaci per avere più informazioni!

CREIAMO IL TUO VALORE CINESE – info@valuechina.net