Hainan diventerà la nuova Hong Kong?

William Vidoni

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

L’isola di Hainan è da qualche decennio al centro degli interessi del governo cinese. La rivoltosa Hong Kong sta facendo accelerare il piano per trasformare l’isola in un nuovo porto di libero scambio.

La Cina ha presentato un insieme di politiche speciali per Hainan. Tra cui l’abolizione dei dazi per l’importazione, nel tentativo di trasformare l’isola tropicale nella risposta a Hong Kong o Singapore e di attenuare il rischio di ulteriori scontri con gli Stati Uniti.

Pechino ha delineato il suo piano per rendere l’isola di 35.000 kmq un “porto di libero scambio”. Abbassando l’aliquota d’imposta sul reddito per individui e aziende selezionate al 15%, e semplificando i requisiti per il visto per turisti e professionisti in viaggio d’affari.

La provincia insulare di 9,5 milioni di persone godrà inoltre di libertà in termini di commercio, investimenti, flussi di capitali e circolazione di persone e dati entro il 2035, in quanto si avvia a diventare un polo di “forte influenza internazionale” entro la metà del secolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Cina vs USA la guerra di cui nessuno ha bisogno

Il progetto di trasformare Hainan, che copre un’area 30 volte superiore a quella di Hong Kong, in un centro per il commercio, lo shopping e le spedizioni. “Pianificato, organizzato e promosso dal segretario generale Xi Jinping in prima persona. ” secondo la dichiarazione del governo.

Xi ha annunciato nell’aprile del 2018 che l’isola, una popolare destinazione di vacanza talvolta indicata come le Hawaii della Cina, sarebbe stata trasformata nella più grande zona di libero scambio della nazione. Il governo Hainan ha inviato delegazioni a Hong Kong, Singapore e Dubai per imparare le pratiche di “libero scambio”.

Foto di: The Star

Il progetto è stato pubblicato mentre cresce il distacco tra l’economia statunitense e quella cinese, con le tensioni tra le due nazioni che si intensificano su più fronti oltre il commercio.

Gli Stati Uniti hanno pianificato di privare Hong Kong del suo speciale status commerciale. Dopo che Pechino ha portato avanti un piano per imporre una nuova legge sulla sicurezza nazionale.

La revoca della denominazione potrebbe significare che le esportazioni di Hong Kong saranno soggette alle stesse tariffe statunitensi previste sulla terraferma. Minacciando così lo status portuale della città e le attività di riesportazione, che hanno beneficiato di bassi dazi nel commercio con gli Stati Uniti.

Anche se non si parla di Hong Kong o di Singapore, è chiaro che Pechino sta cercando di replicare alcune delle politiche che hanno reso queste città un successo, tra cui un’aliquota d’imposta sul reddito limitata al 15 per cento, molto più bassa di quella continentale e più vicina al livello del 17 per cento di Hong Kong.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Trump pronto a bloccare Tik Tok dopo il caso Huawei

Secondo il nuovo piano per Hainan, alcune merci importate saranno esenti da dazi. Tra cui attrezzature di produzione, veicoli, navi, aerei, materie prime e beni di consumo.

I cittadini cinesi potranno spendere fino a 100.000 yuan (US$14.000) a persona ogni anno nei negozi duty-free sull’isola, a partire da 30.000 yuan attualmente.

La Cina costruirà una “seconda linea doganale” per i prodotti trasportati da Hainan verso la terraferma, con merci che hanno avuto un valore aggiunto del 30% sull’isola, che potranno entrare in duty free.

Foto di: The Moodie Davitt Report

Anche l’approvazione degli investimenti sarà semplificata nella provincia. In determinate aree le aziende non avranno bisogno di ottenere l’approvazione del governo, purché si impegnino a rispettare i regolamenti prima dell’inizio delle operazioni.

I cittadini stranieri potranno fungere da rappresentanti legali per le imprese statali, cosa che non è consentita sulla terraferma, mentre i turisti che arrivano sulle navi da crociera internazionali potranno visitare l’isola per un massimo di 15 giorni senza visto.

La portata delle politiche proposte per Hainan va ben oltre le misure esistenti a Pechino per le altre “zone di libero scambio” di Shenzhen o Shanghai.

Allo stesso tempo, le politiche non prevedono alcun allentamento del conto capitale cinese e dei controlli sul flusso di informazioni, i pilastri di un vero e proprio hub del libero scambio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: L’UE si impegna a lavorare in modo costruttivo con la Cina

Fei-Ling Wang, professore alla Sam Nunn School of International Affairs presso il Georgia Institute of Technology, ha detto che la tempistica dell’annuncio del piano Hainan mostra il forte desiderio di Pechino di costruire un hub alternativo di libero scambio in mezzo alle tensioni della legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong.

“Hainan ha avuto questo tipo di missione sin dalla fine degli anni ’80 con un po’ di grandi alti e bassi. Sembra che il tempismo ora sia particolarmente indicativo nei desideri di Pechino”

Fei-Ling Wang

Ma Wang ritiene che la possibilità che Hainan diventi un’altra Hong Kong o un’altra Hawaii sia “molto bassa, se ce n’è una“.

La restrizione fondamentale, come al solito, è politica: sotto l’onnipresente partito che deve controllare tutto non può esserci tanta “libertà”.

“Hainan non può copiare i vantaggi critici di Hong Kong senza una fondamentale trasformazione politica [della Cina]: Uno stato di diritto consolidato che protegge i diritti di proprietà, le libertà individuali, l’applicazione dei contratti e un buon rapporto con l’Occidente e con gli Stati Uniti in particolare. Il resto sono solo dettagli”.

Fei-Ling Wang
Foto di: Ihor Saveliev

Steve Tsang, direttore del SOAS China Institute della School of Oriental and African Studies dell’Università di Londra, ha detto che il piano di Xi per Hainan potrebbe essere ostacolato da un ambiente internazionale ostile e dalla mancanza di uno stato di diritto sull’isola.

“Hainan può realizzare molto di quello che si propone di fare… [ma] non trasformarsi in una seconda Hong Kong. Non ha ciò che rende Hong Kong ciò che è. Il contraccolpo internazionale contro l’aggressiva propaganda cinese … non aiuterà Hainan ad avere un buon inizio”.

Steve Tsang

L’ex leader cinese Deng Xiaoping ha elevato Hainan a provincia a sé stante nel 1988 e l’ha resa la più grande “zona economica speciale” della Cina. Nella speranza che l’isola addormentata potesse ripetere alcuni dei successi di Shenzhen, che da piccolo villaggio di pescatori si è trasformata in un centro hi-tech in piena espansione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: È ufficiale, ha inaugurato oggi il ponte da record che collega la Cina alle isole di Hong Kong e Macao

L’isola avrebbe dovuto diventare un esempio per Taiwan che la prosperità poteva essere garantita se avesse scelto di riunirsi alla terraferma

Ma invece di diventare un modello di sviluppo, all’inizio degli anni Novanta Hainan si è rapidamente trasformata in un rifugio per contrabbandieri e speculatori immobiliari.

Lo scoppio della bolla immobiliare di Hainan è ricordato come uno dei più grandi fiaschi economici di Pechino dalla riforma di Deng, iniziata alla fine degli anni Settanta.

Foto di: SME Magazine

Ancora oggi, il principale motore economico della provincia sono le seconde case per gli abitanti della parte continentale che cercano di sfuggire al freddo del nord.

Il prodotto interno lordo di Hainan era l’anno scorso appena 530 miliardi yuan (US$74.5 miliardo). Lo 0.5 per cento del totale nazionale, secondo l’agenzia di statistiche della provincia. La quota della provincia nel commercio complessivo era inferiore allo 0,3 per cento nel 2019.

Anche i governi dell’isola non sono tradizionalmente in grado di svolgere il loro compito. Il gettito fiscale della provincia nel 2019 era circa un settimo di quello di Shenzhen, mentre i residenti sono più poveri dei loro connazionali della terraferma. Il reddito medio pro capite ad Hainan era del 10% inferiore alla media nazionale.

Un’ampia parte del documento strategico è dedicato ad evitare i rischi per la salute pubblica e per l’ambiente associati al previsto incremento del commercio e degli investimenti.

L’importazione di rifiuti solidi è stata vietata e al governo Hainan è stato detto di bilanciare un sistema di investimenti più aperto. Con la prevenzione dei rischi per la sicurezza nazionale, effettuando controlli di sicurezza sugli investitori stranieri.

Un’ovvia omissione nel documento è la menzione alle corse di cavalli. Si ipotizzava che Pechino potesse permettere ad Hainan di creare un’industria delle corse e del gioco d’azzardo che rivaleggiava con Hong Kong e Macao.

Dice invece che l’amministrazione dell’isola continuerà a seguire i “valori socialisti“.

Fonte: scmp.com

Value China, società esperta nello sviluppo di Mini Program, è l’unico partner riconosciuto da Tencent in Italia.

Contattaci per avere più informazioni sui Mini Program!

CREIAMO IL TUO VALORE CINESE – info@valuechina.net