La Food Genius Academy apre a Shanghai

Redazione Value China

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo le sedi di Milano e Bologna, la Food Genius Academy sbarca a Shanghai. La metropoli cinese, caratterizzata da “un vivace scenario gastronomico”, ospiterà la nuova scuole di 2.300 mq.

Buona notizia, anzi buonissima, per tutti i buongustai della terra del Dragone. Dopo le sedi di Milano e Bologna, la Food Genius Academy aprirà i battenti anche a Shanghai. Il prossimo gennaio, anche la cosmopolita e moderna metropoli cinese vedrà aprire le porte della prestigiosa scuola di cucina. Gli appassionati studenti cinesi avranno come docenti professionisti italiani e potranno poi completare la loro formazione con uno stage.

Fonte: Food Genius Academy

La sede cinese della scuola si svilupperà su una superficie di 2.300 metri quadrati. Comprenderà: un grande laboratorio di cucina, un laboratorio di pasticceria, due aule per le lezioni teoriche, una biblioteca, uno spazio per eventi ed infine una zona relax.

Come ha spiegato Desirée Nardone, direttrice di Food Genius Academy:<<La nostra scuola di Shanghai nasce con lo stesso DNA di quella di Milano: ha una natura prettamente professionale. L’obiettivo è insegnare ai giovani cinesi le basi della cucina e della pasticceria italiane. Si partirà dalla tradizione per strizzare l’occhio all’innovazione. Si voglio formare chef e pastry chef che siano pronti a vincere la sfida del mercato del lavoro. Il personale docente non è composto da accademici ma da professionisti della ristorazione italiani. Saranno più che semplici insegnanti, mentori dal background professionale di successo e con un approccio pratico alla docenza. Come a Milano e a Bologna, elemento distintivo dell’offerta didattica a Shanghai sarà la possibilità offerta ai nostri studenti di completare la propria crescita con un’esperienza di stage>>.

L’idea è stata resa possibile anche grazie alla partnership con il gruppo cinese Chan & Chang, che ha messo sul piatto un investimento da 2,5 milioni di euro per la struttura e altri 200 mila per il marketing. Come dichiarato da Jane Chan:<< Il nostro obiettivo è diffondere la cultura della gastronomia italiana. Il punto di partenza è Shanghai, ma vogliamo espanderci in Cina, a Singapore, in Asia>>.

I presupposti ci sono tutti. Buongustai di tutta l’Asia…siete avvisati!



Per essere sempre aggiornato sulle ultime news dal mondo Cina segui e contatta Value China!



Può interessarti anche: