Vip.com, la nuova frontiera dell’e-commerce di lusso [Cifnews]

Redazione Value China

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Come riporta Cifnews, Vip.com, rivenditore leader di discount online per marchi in Cina, ha visto crescere il totale dei clienti attivi del 6% rispetto all’anno precedente a 29,8 milioni. Nel 2018, Vipshop ha generato $ 19,47 miliardi in GMV da 60,5 milioni di clienti attivi che hanno complessivamente collocato 437,4 milioni di ordini. Il ricavo netto totale ha raggiunto $ 12,3 miliardi.

Gli ordini totali per l’intero anno 2018 sono aumentati del 25% su base annua a 335,0 milioni. L’utile lordo per l’intero anno 2018 è aumentato del 20% su base annua a 18 miliardi di RMB da 16,3 miliardi di RMB dell’anno precedente.

JD.com e Tencent hanno co-investito $ 863 milioni in Vipshop l’anno scorso per contrastare Alibaba

Vipshop, a conferma della sua crescita, ha annunciato che è diventato sponsor ed esclusivo partner cinese dell’e-commerce per la London Fashion Week, uno degli eventi di moda più influenti a livello mondiale. Attraverso questa sponsorizzazione e partnership, Vipshop mira a introdurre marchi britannici più alla moda e autentici per i consumatori cinesi attraverso la sua potente piattaforma.

Vipshop (VIP.com), del resto, è il principale rivenditore di sconti online della Cina per i marchi. Anche la crescita di Vipshop nel numero di clienti “attivi”, vale a dire quelli che hanno effettuato almeno un acquisto durante il periodo, ha rallentato. Come JD, Vipshop utilizza principalmente una rete logistica interna invece di affidarsi a servizi di consegna di terze parti come Alibaba. Ecco perché Vipshop e JD riportano costantemente margini operativi più bassi di Alibaba.

JD.com e Tencent hanno co-investito $ 863 milioni in Vipshop l’anno scorso per contrastare Alibaba. Tale investimento ha dato a Tencent una quota del 7% e ha incrementato la partecipazione esistente di JD dal 2,5% al ​​5,5%. Vipshop ha lanciato circa 400 milioni di “mini-programmi” su Wechat (la migliore app di messaggistica in Cina). Inoltre ha raggruppato pacchetti di abbonamento VIP con abbonamenti Tencent Video.

Che tipo di prodotti sono venduti su Vipshop e VIP International?

Vipshop detiene ancora una quota di mercato piuttosto ridotta al 4,3%, in quanto Tmall e JD dominano il mercato nazionale e generale del commercio elettronico. VIP International, d’altro canto, rappresenta poco più del 15% del mercato del commercio elettronico transfrontaliero, appena dietro Kaola e Tmall Global.

Come mostrato sul sito Web di Vipshop, l’app lavora principalmente con marchi internazionali e competitivi nei settori della bellezza, della cosmetica, dell’abbigliamento e della gioielleria. Alcuni marchi importanti che collaborano con Vipshop includono Calvin Klein, Armani e Tommy Hilfiger, solo per citarne alcuni.

Vipshop è il leader indiscusso delle “vendite flash”

Vipshop si rivolge anche ai consumatori nelle città cinesi di livello inferiore. Mentre Alibaba, che ha una capitalizzazione di mercato di $ 256 miliardi, domina il panorama dell’e-commerce cinese con il suo mercato che collega acquirenti e venditori, Vipshop si è ritagliato una nicchia piccola ma redditizia.

Vipshop, che ha una capitalizzazione di mercato di $ 11,5 miliardi, è il leader indiscusso delle “vendite flash”, dove vende beni di marca, che comprendono principalmente abbigliamento e cosmetici, con uno sconto notevole rispetto a quello che vengono venduti nei negozi di mattoni e cemento.

di Cifnews  雨果网

Cifnews 雨果网 è il primo media cinese specializzato nel cross-border e-commerce. Siamo il principale network editoriale ed organizzatore di eventi nel settore in Cina. La mission di Cifnews è quella di raccontare oltre Muraglia il mondo tech, digital e l’innovazione tout court del nuovo “Made in China”, un mondo ancora sconosciuto al grande pubblico occidentale. Le nostre attività principali sono il publishing, la formazione online & offline e le fiere di settore, con il nostro format di eventi dedicato ai professionisti dell’import ed export con la Cina – CCEE (Cifnews Cross-border E-commerce Exhibition). Fondato nel 2013, Cifnews è basato a Xiamen, nel Fujian. Nel 2017 è stato creato l’International department, con uffici a Padova (Italia) e Los Angeles (California).

Leggi anche

Articoli che ti potrebbero interessare