Da ZTE, la prima chiamata 5G al mondo

Luca Qiu

Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Completata da ZTE e dalla filiale di Guangdong di China Unicom la prima chiamata 5G al mondo.

Lo ha annunciato il colosso tecnologico cinese dell’internet mobile sottolineando che per la chiamata è stato usato lo smartphone prototipo di ZTE nella prova sul campo di Shenzhen.

Dopo i test dello scorso novembre nel centro di ricerca, il player asiatico conferma così il primato sullo “sviluppo del 5G superando una prova che, oltre a portare a termine con successo una chiamata con lo smartphone prototipo, ha dato modo di verificare diversi servizi, come la chiamata vocale del gruppo Wechat, i video online e la navigazione web”.

Si tratta di fatto del primo test commerciale al mondo in cui viene effettuata una chiamata in modalità NSA, conforme al Rel-15 3GPP. Il test, spiega Zte, “ha adottato la soluzione end-to-end 5G di ZTE, e ha connesso lo smartphone prototipo 5G di ZTE alla rete di accesso radio, a quella principale e a quella di trasporto”.

Durante il test sono state anche verificate diverse tecnologie chiave 5G come Massive MIMO, 5G NR, connettività doppia NSA, tecnologia di trasporto FlexE e 5G Common Core.

Con questo test ZTE si conferma così ai vertici nella tecnologia, nelle apparecchiature e nei prodotti 5G. “La soluzione 5G di ZTE ha superato il test end-to-end nei tre mesi successivi al rilascio del Rel-15 3GPP. È stata messa in mostra la forte competenza di ZTE nella ricerca, nello sviluppo e nella commercializzazione del 5G, dimostrando il suo ruolo di partner affidabile per gli operatori globali” scandisce il Gruppo cinese.

Conosciuta come “la città dell’innovazione”, Shenzhen è una delle prime città pilota 5G di China Unicom. Shenzhen sta verificando pienamente le capacità di rete delle apparecchiature di rete 5G, i servizi speciali, il roaming e l’interconnessione dei servizi, gettando così una solida base per l’intera costruzione commerciale della rete 5G.

Fonte: LaStampa.it