Apre a Tianjin il primo ristorante robot completamente automatizzato di JD.com

Giulia Falcini

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

La Cina sta preparando una nuova rivoluzione industriale. Il Dragone infatti vuole affidare ai robot la produzione di qualsiasi prodotto e, a quanto pare, questo trend sembra essere sempre più diffuso anche nell’ambito della ristorazione, dove è realtà incontrare robot in cucina.

Xcafe: i robot nelle cucine di Tianjin

Il 10 novembre scorso, JD.com ha aperto il suo primo ristorante-robot completamente automatizzato, chiamato “XCafe“. Il locale si trova presso la Sino-Singapore Tianjin Eco-city, un’area emergente della città di Tianjin a basso impatto ambientale e rispettosa delle risorse.

Il futuristico ristorante di 400 metri quadrati può ospitare fino a un massimo di 100 clienti contemporaneamente ed è il primo del suo genere in Cina ad essere completamente automatizzato.

Tang Siyu, manager di XCafe, ha dichiarato: “risponderemo alle esigenze dei nostri clienti. Abbiamo circa 300 ospiti a cena e il nostro tasso di turnover è di tre turni per tavolo durante l’ora di pranzo e di cena”.

Il giorno dell’inaugurazione, il ristorante ha suscitato molta attenzione da parte di tutti i cittadini che sono rimasti estremamente affascinati dal cibo preparato dai robot.

 

 

 

Ogni singolo passaggio, dall’ordinazione, la preparazione, la cottura, l’impiattamento, fino al servizio, è tutto controllato da robot e da sistemi di intelligenza artificiale. Dopo aver fatto un ordine, i robot nella cucina sul retro ricevono l’ordine e iniziano a preparare i piatti.

Una volta terminata la preparazione dei cibi, un gruppo di “camerieri” computerizzati si preoccupa di consegnare i piatti nella sala, per consentire ai clienti di prelevarli dai carrelli e iniziare a consumarli. Grazie alla tecnologia di auto-guida, questi robot si muovono mediante un sistema di localizzazione e di mappatura simultanea (SLAM), essendo così autonomi. Una caratteristica di questi robot estremamente conveniente è che una carica è sufficiente per tutto il giorno.

Il ristorante inoltre, dispone di un’area con giochi interattivi di realtà virtuale VR e di un’area di “ristorazione immersiva” per offrire agli ospiti un’esperienza culinaria ancora più interessante e di altissima qualità.

 

 

JD.com è pronta a sfidare Alibaba a colpi di robot

Stando a quanto affermato dalla società, il menù del ristorante propone oltre 200 diverse pietanze, anche se attualmente sono solo 40 i piatti disponibili: questo a causa del loro processo di preparazione ampiamente standardizzato e della loro popolarità. Le pietanze che è possibile ordinare attualmente sono principalmente piatti “fatti in casa”, tra cui alcune ricette classiche, come il Kung Pao Chicken e i gamberi fritti in stile “Bi Feng Tang”, maiale in agrodolce, ecc.

È importante sottolineare che, nonostante il ristorante venga pubblicizzato come completamente automatizzato, richiede comunque una minima presenza umana per essere pienamente funzionale. Nella cucina di XCafe sono circa 5-6 i “membri umani” dello staff, un numero bassissimo se pensiamo alla quantità giornaliera dei coperti. Essi aiutano a mettere gli ingredienti al posto giusto davanti agli chef robot e a ricaricare gli ingredienti a mano.

 

 

L’azienda ha annunciato che prevede di aprire 1.000 ristoranti con uno staff di soli robot entro il 2020, con l’obiettivo di sfidare i ristoranti parzialmente automatizzati del concorrente Alibaba e i negozi di alimentari Hema.

In effetti, risale a fine giugno di quest’anno l’apertura da parte di Alibaba del suo primo ristorante robotizzato a Shanghai, Robot.He, che automatizza la maggior parte dei servizi all’interno del locale.

Utilizzando un’applicazione, tag a radiofrequenza e macchine, Robot.He rappresenta la novità del conglomerato tecnologico nel settore alimentare, utilizzando la tecnologia per velocizzare i servizi e ridurre i costi.

 

 

Haidilao: i robot diventano ottimi chef di hotpot

Risale al 28 ottobre scorso la notizia dell’apertura, a Pechino, del primo punto vendita completamente automatizzato della famosa catena di hotpot cinese, Haidilao. Essa, in collaborazione col gigante tecnologico giapponese, Panasonic, è riuscita nell’impresa di creare un locale in cui non solo i robot prendono gli ordini, ma si preoccupano anche della preparazione e della consegna dei piatti ai clienti.

Ogni articolo del ristorante è associato ad un’identificazione a radiofrequenza (RFID), che comunica ad un braccio robotizzato cosa prendere quando la pietanza viene selezionata. Un cameriere-robot porta il piatto sul tavolo per permettere ai clienti di cuocere il cibo nella pentola. Il sistema consente inoltre di personalizzare con precisione la base della zuppa e di memorizzare la scelta per la volta successiva in cui i clienti torneranno al ristorante.

Una rivoluzione sensazionale, quella che la Cina sta attuando nel settore della ristorazione, che sta inevitabilmente attirando l’attenzione di tutto il mondo.

 

 

 

Leggi anche

Articoli che ti potrebbero interessare